#MAKINGOF – Street art jam alle Ex Officine Reggiane

Da quando è partito il progetto Urban Lives ho assistito all’esecuzione di tante opere, su poster, su muro, su treni, su supporti di ogni tipo, in occasioni ufficiali o non ufficiali, lavori di singoli artisti o jam.
Questo è esattamente quello che più di tutto volevo fosse il cuore di Urban Lives: vivere l’arte urbana in prima persona.

Non avrei mai potuto immaginare però, una circostanza tanto suggestiva, quale è stata la jam organizzata poco tempo fa da Collettivo FX presso le Ex Officine Reggiane.

JAM-ExOfficineReggiane-51

In un bellissimo weekend di sole io e Livio Ninni, in compagnia di Collettivo FX e Reve Più, abbiamo esplorato i bellissimi luoghi della street art tra Reggio Emilia e paesi limitrofi: un viaggio di scoperta di una realtà entusiasmante, di cui questo articolo è solo la prima “tappa”.

Ho deciso di iniziare il nostro racconto di parole e di immagini dal “making of”, ovvero dalla jam: venti artisti, locali e non, chiamati a pittare nella cornice delle Ex Officine Reggiane, a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Reggio Emilia. Uno spazio grandissimo, oltre 250mila metri quadrati, i cui primi graffiti risalgono al 2012.
Vi basterà scorrere le foto delle gallery per comprendere non solo la bellezza del posto ma anche l’incredibile quantità di opere presenti: come afferma Collettivo FX “questo posto è un parco giochi per writer e street artist”. E lo è davvero, nel senso più bello del termine.

A contatto con gli artisti presenti abbiamo respirato un’atmosfera bella, allegra, solidale, di grande passione, fatica e lavoro unito al desiderio di confrontarsi, stare insieme.

Questa è la magia degli artisti di Reggio Emilia e dintorni: essere riusciti non solo nell’impresa ammirevole di ridare colore e vita a un posto abbandonato ma anche aver creato “una grande famiglia” (non è un caso la citazione della canzone dei locali Modena City Ramblers), fatta di connessioni tra persone vicine e lontani, amici artisti. Una famiglia sempre pronta ad accogliere nuovi membri, purché armati di passione, creatività e dello spirito giusto, quello che è alla base dell’“unofficial street artist”.

Come affermano loro stessi sulla pagina Facebook Graffiti Reggio Emilia “specifichiamo ‪#‎unofficialstreetart perché è importante distinguere gli interventi spontanei (cioè non ufficiali) da quelli ‪#‎officialstreetart, con dietro un’organizzazione (cioè ufficiali con gru e budget) perché crediamo che siano due storie completamente diverse”.

Il pomeriggio di jam è stata quindi prima di tutto un’esperienza ricca da un punto di vista umano ed emozionale: risate, thermos di vin brulè, pasta per tutti, scambi di idee e consigli, foto e anche supporto materiale e tecnico.

Questa è l’arte urbana che piace a noi di Urban Lives, quella che porta non solo colore sui muri ma partecipazione tra persone e sorrisi sui volti della gente.

 

Di seguito i nomi degli artisti che hanno partecipato alla jam:
Rhiot
Psiko Patik
Random
Hang
Neko
Nemo’s.
Dissenso Cognitivo
Lo Sbieco
ilproff
Wondo
Pepe Coibermuda
Sfiggy
Over
Reni
Lante
Reve
Collettivo FX
ResEBE
Guereza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>