Elementi Sotterranei X: 2000 m di street art

Il 7 giugno si è conclusa la X edizione 2015 del festival internazionale di street art Elementi Sotterranei di Gemona del Friuli (Udine) dove writer e street artist, già dal 29 maggio scorso, esprimono la propria arte su 2mila metri quadri di mura della città rimasta segnata dal terremoto del 1976.

Energie” è il tema a cui si è ispirato quest’anno il festival e si è posto l’obiettivo di far individuare ai partecipanti un nuovo uso di questa risorsa in ambito ambientale, tecnologico e sociale per lo sviluppo del pianeta, del proprio status e delle relazioni interpersonali. Creare occasioni di confronto e di dibattito attraverso conferenze, laboratori e il writing per incoraggiare e coinvolgere il maggior numero di persone di ogni età è lo scopo del festival. Infatti il calendario è stato fitto di eventi e appuntamenti live tra il centro storico e i vasti spazi verdi che offre Gemona del Friuli.

Ad organizzare il festival è stata anche quest’anno l’associazione culturale di promozione sociale “Bravi Ragazzi” che ha dato l’opportunità alla provincia udinese di diventare un luogo di richiamo di arte urbana riconosciuto a livello internazionale.

Elementi Sotterranei X: 100 artisti per 2000 metri di street art

Circa 60 artisti internazionali sono stati chiamati per questa importante edizione, giunti da ogni parte del mondo: Arsek+Erase dalla Bulgaria, Carlos Bobi, Does e D.Ninja dal Brasile, Diam, Malakkai e Makey dalla Spagna, Evgen dalla Slovenia, Key D e Yu-Baba dalla Bielorussia, Lunar dalla Croazia, Mr Woodland e Pixel Juice dalla Germania, Reak dal Messico, Robert Proach e Sepe dalla Polonia, Telmomiel dall’Olanda e Yemes dal Perù.

Dal Bel Paese invece, più di 40 i nomi, tra cui Corn79 e Vesod, Asker, Boogie, Boost, Brasa, Cheone, Dado, Fosk, Mate, Menta, Mes, Mr Blob, Macs, Made514, Nears, Ores, Orion, Peeta, Pg, Raba, Ricro, Rosk+Loste, Skan, Sly, Sosta, Spazio, Webster, Wesh e Yama; e solo dal Friuli Venezia Giulia spiccano i nomi di Agonistiko (Trieste), Calmo (San Giovanni al Natisone), Carne (Dolegnano del Collio), Divieto (Gorizia), Easy (Tolmezzo), Giri (Gorizia), Sturi (Cormons), Style1 (Monfalcone), Slide (Cervignano), Rent (Udine), Sesh (Udine), Kerotoo (Gemona del Friuli), Scarpa (Gemona del Friuli), Zone1 (Trieste),The Other (Gorizia) e rE9 (Monfalcone).

Insomma, Elementi Sotterranei è stato un appuntamento di rilievo per gli amanti dell’arte di strada (in tutte le sue forme) ma anche un’occasione di scambio culturale, nonché linguistico.

 

Per maggiori infowww.elementisotterranei.net

Photo credits: Elementi Sotterranei (gallery in alto) e Francesca Tuzzi (gallery articolo)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>