#EVENTO – Shit Art Fair 2: nuovo attacco urbano dei Guerrilla Spam

Shit Art Fair - Credis Livio Ninni

Shit Art Fair – Credis Livio Ninni

Quando nella mia mente si è delineato il progetto Urban Lives sulle storie degli artisti di “arte urbana” ho avuto fin da subito ben chiaro un obiettivo: quello di esplorarla in tutte le sue forme, da quella legale a quella illegale… o spontanea, se preferite. E avevo altrettanto ben chiaro in testa che tra gli esponenti nazionali di questa seconda categoria desideravo coinvolgere i Guerrilla Spam. Ma arrivata da poco a Torino, città in cui ho iniziato la raccolta di storie e incontri, sono stati loro a coinvolegere me. L’occasione è stata la seconda edizione della Shit Art Fair 2, fiera dell’arte non autorizzata, la dimostrazione di quanto eventi autogestiti e indipendenti possano qualitativamente competere e, lasciatemelo dire, superare numerosi eventi d’arte contemporanea e urbana istituzionali e a pagamento.

Poter partecipare a un simile evento è la gioia di qualunque vero appassionato di arte urbana: assistere all’affissione di 24 opere su carta di grandi artisti della scena nazionale, peraltro in una cornice splendida come quella del Parco del Valentino a Torino, vuol dire osservare da vicino la rapidità, l’accuratezza, l’organizzazione e la cooperazione di chi questo mestiere lo fa con passione e con professionalità.

7 mesi di tempo per organizzare quella che di fatto è una mostra collettiva, gratuita, di opere su carta incollate alle pareti di un tunnel, quindi accessibili a tutti. Non tutti gli artisti erano presenti, alcuni hanno inviato le loro opere e sostenuto a distanza l’iniziativa.

La bravura e la dedizione di tutti è sorprendente ma quella degli Spam è davvero da elogiare.

Ragazzi giovani ma con le idee chiarissime, un’ottima preparazione artistica (splendidi i rimandi ad artisti del calibro di Pontormo, Dalì, Bosch, Goya, Brueghel), tanta determinazione e tanta voglia di sorprendere, polemizzare e provocare, ma sempre con graffiante ironia.

Quello che colpisce, della Shit Art Fair, oltre all’indubbia qualità delle opere e degli artisti selezionati, è la voglia di riapproprarsi degli spazi cittadini, ma nel loro massimo rispetto. Gli attacchi urbani dei Guerrilla, o meglio i loro e quelli degli artisti partecipanti alla Shit Art Fair, sono volutamente provvisori: il rispetto dell’ambiente e della strada si uniscono alla volontà di manifestare apertamente e liberamente critiche al sistema e alla disinformazione mediatica, ma che seguono o mutano velocemente, come la società.

Negli occhi dei partecipanti, durante l’allestimento della fiera (durato circa un’ora), ho letto la passione per l’arte e per la strada ma anche e soprattutto un senso di partecipazione attiva e collaborativa a un cambiamento concreto, che possa scuotere le persone e l’opinione pubblica.

Sono felice e consapevole di aver assistito a qualcosa di importante nel panorama nazionale di arte urbana e già non vedo l’ora di prendere parte alla terza edizione.

 

[Photo by Livio Ninni]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>