Mistura, 60 artisti per dare colore a Torino Stura

Mistura-23

È passato tanto dalla conclusione di Mistura, a mio parere uno dei migliori eventi estivi legati alla street art, a cui ho avuto il grandissimo piacere di partecipare. Chiariamo subito, Mistura non è stato un festival, ma un evento in pieno stile “graffiti jam”. A organizzarlo sono stati i (bravissimi) ragazzi dell’associazione torinese Monkeys Evolution, impegnata da anni in eventi culturali nell’ambito della Graffiti-Art, in collaborazione con la Rete Ferroviaria Italiana. L’evento si è infatti tenuto presso la stazione Torino Stura: una stazione grigia, periferica e poco frequentata, seppur importante scalo ferroviario posto sulla linea ad alta velocità Torino-Milano e sul passante ferroviario torinese.

L’evento, che si è svolto nei weekend del 4-5 e del 11-12 luglio 2015, ha visto la partecipazione di 60 artisti, provenienti da tutta Italia e qualcuno anche dall’estero: una selezione davvero eterogenea anche per storia, stile e tecniche. Trait d’union tra loro la passione per l’arte di strada, per eventi partecipativi e per le bombolette spray.
La superficie coperta, lungo i binari, è pari a 2.000 mq. Io, che ho seguito la comunicazione dell’evento nel corso del primo weekend, ho praticamente passato due giorni a fare su e giù da un binario all’altro, fotografando e chiacchierando con tutti gli artisti presenti.

Questa la line up:

4/5 Luglio | BINARI 0-1-2-3-7-8
CAESAR / FABIO PETANI / DISE / EL EURO / ETNIK / KAMILLA / KOMMA 27 / KJ263 (DE) / MADE514 / MISS MAGENTA / MR BLOB / MR FIJODOR / OMAR / ORMA / PAOK (TOT-BOC-NSC) / PIXELPANCHO / RAPONE / SCORIE / SENSO / SKULL / TATIS / WESK / ZEUS /
3 ZETA

4/5 Luglio | AREA INTERSCAMBIO
“TURIN YOUNG WRITERS”

11/12 Luglio | BINARI 4-5-6-9
DEEP / DOMEE / ENCS / HIDE / IMAK THE CROCODILE / MADKOW (FR) / MARTE / MATE / MAURO149 / PAO / PIOVE / PSIKO / RATUR (FR) / REFRESHINK / RUAS / SCKARO (FR) / SEACREATIVE / SHIRK / SIR 2 / SMAKE / SMOR 19 / TAKE / TANGO / WAT / WOK / WUBIK / ZETA (CH) / ZETA SMK

Come è giusto che sia vi racconto l’evento dal mio punto di vista: oltre agli amici Mr Fijodor, Fabio Petani ed Etnik, ho ritrovato artisti conosciuti in precedenti eventi e ne ho scoperti di meno noti o di emergenti. Sì, perché uno dei grandissimi pregi di Mistura è stato quello di aver puntato anche sulle nuove generazioni di writer e artisti, scelta purtroppo davvero rara in eventi similari.

Quello che più di tutto ha colpito me e i presenti è stato il clima da festa, da jam: qualcuno mi ha rivelato che per realizzare la propria opera avrebbe in altre situazioni impiegato 1/3 del tempo a disposizione, ma che andare piano era una scelta voluta, non solo per curare ogni dettaglio ma per trascorrere più tempo possibile in compagnia dei “vicini di binario”.
Un’altra cosa che mi ha fatto sorridere sono stati i commenti di alcuni writer a cui “prudevano le mani”: singolare in effetti vedere diversi writer storici di treni realizzare arte pubblica non spontanea all’interno di una stazione… un po’ come portare un bambino con le mani legate in un negozio di caramelle :)

Un altro aspetto che ho trovato davvero interessante è stata la volontà di alcuni artisti presenti di rappresentare elementi che richiamassero il viaggio: i viandanti rappresentati da Scorie – Shivano – Orma al binario 8, il writer di Tatis che dipinge i robot mangia-binari di Mr Fijodor al binario 7 e la bellissima combo Etnik – KJ263 (Russia) al binario 4, un omaggio alle stazioni.

Foto credits: Livio NinniPier Luis Vona

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>