Nomadismo e sperimentazione: 2501 in mostra a Roma

Da Milano a Roma per Nomadic Experiment – on the brink of disaster, la personale di 2501 alla Wunderkammern fino al 26 luglio 2015.

Classe 1981, Jacopo Ceccarelli aka 2501 è reduce di molte esposizioni all’estero, ma anche in Italia, come la mostra al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, alla Triennale di Milano e al MACRO di Roma e oggi, alla Wunderkammern, l’ultima tappa della trilogia di mostre pensate per il progetto Nomadic Experiment, dopo quelle di Miami e Los Angeles; per la Capitale, 2501 ha realizzato inoltre un grande murale nel quartiere Pigneto.

Una trilogia frutto di una lunga riflessione “sull’orlo del precipizio”, come recita il titolo “on the brink of disaster”, ossia quella perenne condizione dell’essere umano contemporaneo che col tempo è diventato “succube” della vita frenetica che spesso risulta superficiale e in continuo mutamento.

E 2501 racconta proprio questo atteggiamento nomade di cui la nostra società è costituita: spazi atemporali, esclusivamente emozionali e mentali. Con una tecnica che suggerisce un eterno movimento basato sul colore bianco e nero con pochi accenni di colore oro, l’artista milanese imprime non solo su tela quel cambiamento emotivo che si evince in ogni produzione, ma ciascuna ha la prerogativa di regalare allo spettatore un’esperienza di libertà ineguale a diversi livelli di interpretazione secondo gli spazi architettonici che offre la location romana.

Frammenti di materia, dipinto e intonaco asportati da muri interni o esterni sui quali l’artista è intervenuto, le opere del piano terra di 2501 sono state realizzate con tecniche e materiali diversi: dipinti su legno, tela e carta, installazioni in ceramica e fotografie. A livello sotterraneo invece, sono presenti due video e la Macchina, un’installazione meccanica con la quale gli spettatori potranno interagire.

Con Nomadic Experiment – on the brink of disaster si conclude il progetto artistico di Wunderkammern Limitless, dopo le mostre di Sam3 (Spagna), L’Atlas (Francia), Sten Lex (Italia) e Alexey Luka (Russia). Come suggerisce il nome, Limitless esplora il concetto di “limite” nelle sue possibili forme e manifestazioni che ha scelto l’arte come medium per superare le barriere mentali che ostacolano la libertà quotidiana di ciascun individuo.

La carriera di 2501 inizia presto, a soli 14 anni nella sua Milano per poi spostarsi a San Paolo, Brasile, per sperimentare con diverse tecniche e materiali, pittura su tela, pittura murale, scultura, installazione, fotografia, video e documentario. E non è un caso se l’artista milanese nel 2009 vince il premio Street Art Award al Metropolis Art Prize 2009 con il video Mask, proiettato a Times Square (New York) e, nel 2013 partecipa a Back 2 Back to Biennale, evento collaterale ufficiale della 55° Biennale di Venezia.

Inoltre, quest’anno 2501 espone agli Internazionali BNL d’Italia al Foro Italico a Roma, nell’ambito di un progetto realizzato in collaborazione con Wunderkammern. Stay tuned.

 

Maggiori informazioni:
NOMADIC EXPERIMENT – on the brink of disaster
fino al 26 luglio 2015
Wunderkammern Gallery
Via Gabrio Serbelloni, 124
00176 Rome
Italy
Apertura: mercoledì-sabato ore 17-20

Tel: +39 – 0645435662
Cell: +39 – 3498112973 Fax: +39 – 1786029690

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>