#NEWS – Bosoletti al BO.CA – Bonito Contest Art

Ho avuto recentemente modo di conoscere Fran Bosoletti, artista argentino in trasferta in Italia, e su tutte tre cose mi hanno colpito: la sua allegria, il suo grande amore per l’Italia unita al desiderio di “seminare” la sua arte non solo all’interno di grandi eventi e festival ma anche in luoghi caratteristici meno noti, e l’omaggio artistico alla sua terra.
Raramente scrivo di artisti stranieri ma per un artista così legato al nostro territorio e alla sua valorizzazione artistica ho scelto di fare un’eccezione.
L’artista è ora protagonista della quarta edizione di BO.CA – Bonito Contest Art, appuntamento annuale all’insegna della street art che anche quest’anno farà tappa a Bonito (AV). Il festival punta alla riappropriazione degli spazi urbani, guardando alla street art come valorizzazione della cultura dei luoghi dello splendido territorio irpino.
boca-2015-bosoletti2A inaugurare questa edizione è proprio Fran Bosoletti (Armstrong- Argentina 1988), che ha intrapreso un percorso di ricerca artistica piuttosto singolare, coniugando un certo stile classicista con una vena provocatoria di protesta contro lo strapotere dell’economia e del concetto di “speculazione economica” che sembra ormai al centro dei pensieri dei suoi connazionali argentini, e non solo.
Simbolo scelto, il tulipano, protagonista di una delle più singolari operazioni speculative nella compravendita di oggetti tra i diversi continenti. Fiore poetico ed elegante, gioca con le figure umane come totem e segnale, freccia o monito perché si conservi all’interno della metafora pittorica un discorso di coerente umanità. Con pennellate vigorose e una tavolozza dalle tinte terrestri, Bosoletti lavora su un doppio binario creativo: da un lato esplora l’orizzonte del movimento umano femminile, fatto di una gestualità iconica e rituale come un rito sciamanico scatenato e diretto dall’immancabile elemento del tulipano, che lotta e interagisce con le linee energetiche della composizione; dall’altro si muove alla scoperta degli ambienti e degli scenari che si nascondono dietro la vita di una superficie murale, riprendendoli e riportandoli alla luce. Uno stile talvolta scabro e abbozzato, ricco di elementi simbolici che si riducono con il progredire e la maturazione della ricerca.
Elementi pittorici in cui le due componenti, quella umana e quella riflessiva, vengono fatte emergere con forza e prendono il sopravvento sulla dimensione realistica.
 
Per maggiori informazioni:
Boca Contest Art
Web https://bonitocontestart.wordpress.com/
Social:
facebook.com/bonitocontestart
twitter.com/bocacontestart
instagram.com/bocacontestart

More from Ivana De Innocentis
Una jam sui ruderi della campagna modenese, per Rurales Emilia
Una volta, scherzando, mi hanno definito “curatrice di street art”, facendo riferimento...
Read More
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.